Sito in costruzione

Vivo. Penso. Amo. Qui raccolgo i pensieri di una vita... di una vita dedicata ai cani, non più celati entro uno scrigno ma condivisi al mondo, al fine di donare anche un solo frammento di tanta passione.

Un racconto per i più piccoli per capire il linguaggio dei cani

Turid, la fatina dei cani, di Margarita Truyols Fluxá (testo) e Irene Mulet Domingo (illustrazioni), è uno splendido racconto per i più piccini.


Tanto, tanto tempo fa, in una casa di campagna come la nostra viveva una cagnolina chiamata Cuba con i suoi otto cuccioli.

Cuba era una madre molto brava: appena nati pulì e leccò i suoi cuccioli uno per uno e li allattò.

Una notte molto fredda il più piccolo di tutti si ammalò. Il poverino tremava tanto che la mamma e i suoi fratellini si raggomitolarono accanto a lui per riscaldarlo. Temevano che il piccolo Polo non ce l’avrebbe fatta e dopo ore passate a remare e a starnutire, durante uno di questi starnuti, uscì dal suo naso qualcosa di simile a una luce. Tutti rimasero a bocca aperta. La lucina uscì volando!

Non so più cosa vedo, pensò Cuba. Devo riposare per avere la forza necessaria domani mattina.

[...] Al loro risveglio la luce era diventata più forte. Si trovava giusto sopra Polo in modo da dargli calore e proteggerlo.

Cuba si avvicinò il più possibile e scorse una figura umana in mezzo al luccichìo: era una fata!

Così inizia la storia di Turid, la fatina che capisce i cani e li protegge. [...]

I cani non parlano con le parole, come me e te, dissi sicura, lo fanno in altri modi. Se Turid li capisce perfettamente, anche noi possiamo riuscirci.

Turid, la fatina dei cani
di Margarita Truyols Fluxá e
Irene Mulet Domingo

Condividi in Facebook